Traduci
link
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Una vita migliore sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Riesci a sentire la gioia?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Riesci a sentire la gioia?

0% 0% 
[ 0 ]
28% 28% 
[ 5 ]
28% 28% 
[ 5 ]
28% 28% 
[ 5 ]
11% 11% 
[ 2 ]
5% 5% 
[ 1 ]
 
Totale dei voti : 18

Riesci a sentire la gioia?

Messaggio Da Admin il Lun 09 Nov 2009, 14:00

Seppure per tanti, oggi, sembra un concetto astratto, è possibile per noi tutti provare la gioia.
Spesso siamo schiavi di modi di pensare e abitudini che creano solo malesseri e pensieri cupi, e la gioia si allontana.
La gioia invece è qualcosa che s'impara a riconoscere in ogni momento, perchè in ogni attimo ci sono sempre tantissimi motivi per provarla.

Per introdurre il tema della gioia ho scelto questa email che mi è giunta dalla lista Sadhana di Guido da Todi tratta da:
"Istruzioni di volo per aquile e polli" di Anthony De Mello:


.... ricordo di un'altra frase, che Kabir, uno dei migliori poeti mistici dell'India, ha reso famosa. Egli scrisse un bel poema che inizia con la seguente frase:
“Risi quando mi dissero che un pesce in acqua ha sete”.
Riflettete con attenzione a questa immagine: un pesce in acqua ha sete!
Com'è possibile?

Noi, esseri umani, avvolti da Dio, non troviamo riposo! Osserva la creazione: alberi, uccelli, erba, animali... Sai una cosa? Tutta la creazione è colma di gioia.
Tutta la creazione è felice! Si, lo so: c'è sofferenza, dolore, crescita, declino, vecchiaia e morte. Sì, tutto ciò sta nella creazione, ma se voi comprendeste cosa realmente significa felicità!
Solo l'essere umano ha sete, solo il cuore umano e inquieto. Non è strano? Perché l'essere umano è infelice e cosa si può fare per trasformare questa tristezza in gioia? Perché gli uomini sono tristi?
Perché hanno idee distorte e atteggiamenti sbagliati.

La prima idea distorta che gli uomini hanno è che gioia equivalga a euforia, sensazioni di piacere, divertimento. Con questa idea in testa gli uomini vanno in cerca di droghe e stimolanti, e finiscono con l'essere dei depressi.
L'unica cosa con cui dobbiamo drogarci è la vita. È un tipo di droga leggero, ma con
effetti duraturi. Questa è la prima idea distorta dalla quale ci dobbiamo liberare. Gioia non significa euforia; non necessariamente.

La seconda idea distorta consiste nel pensare che possiamo raggiungere la nostra felicità, che possiamo fare qualcosa per afferrarla. Qui quasi mi sto contraddicendo, perché in seguito esporrò cosa possiamo fare per ottenere la
felicità. La felicità però non si può conseguire in se stessa. La felicità è sempre
conseguenza di qualcosa.

La terza e forse più determinante idea distorta sulla felicità consiste nel ritenere che essa si trovi fuori di noi, nelle cose esterne, nelle altre persone.
“Cambio lavoro, così forse sarò felice”; oppure: “Cambio casa, mi sposo con
un'altra persona..., così forse sarò felice”, ecc.
La felicità non ha nulla a che vedere con l'esterno. In genere si crede che i soldi, il potere, la rispettabilità possano rendere felici. Di fatto però non è così. I poveri possono essere felici.

Mi ricordo della storia di un prigioniero nazista. Il pover'uomo tutti i giorni
veniva torturato. Un giorno lo cambiarono di cella. Nella nuova cella c'era un
abbaino, da dove egli poteva vedere un pezzo di cielo azzurro durante il
giorno, e alcune stelle la notte. Il prigioniero rimase così
affascinato da questo
spettacolo che inviò una lunga lettera a quelli di casa sua, descrivendo la sua
grande fortuna.

Dopo aver letto questa storia, guardai dalla mia finestra.

Davanti a me si estendeva la natura in tutta la sua bellezza. Ero libero, non
prigioniero, potevo andare dove volevo! E ritengo di aver provato solo una
frazione della gioia di quel povero prigioniero.

Ricordo di aver letto un romanzo su un prigioniero in un campo di
concentramento sovietico, in Siberia. Il pover'uomo veniva svegliato alle
quattro del mattino e riceveva un pezzo di pane, come razione per tutto il
giorno. Avrebbe mangiato ben volentieri subito tutto il pane, ma cominciò a
pensare:

“È meglio che ne conservi una parte, perché posso averne bisogno
questa notte, se non riuscirò a dormire per la fame. Se questa notte ho
qualcosa da mangiare, forse riuscirò a dormire”. Dopo aver duramente
lavorato tutto il giorno, si coricò e si coprì con la coperta, che a
mala pena lo
riscaldava, e cominciò a pensare: “Oggi è stata una buona giornata. Non ho
dovuto lavorare nel vento gelato. E questa notte, se mi sveglio per la fame,
posso mangiare un pezzo di pane e continuare a dormire”. Potete immaginare
la gioia e la felicità di quell'uomo?

Una volta conobbi una paralitica, alla quale tutti chiedevano: “Dove trovi
questa gioia che traspare sempre dal tuo volto?”. Ed ella rispondeva “Io ho
tutto ciò che serve alla mia felicità. Posso fare le cose più belle della vita”.

Paralizzata, a letto, in un ospedale; eppure piena di gioia. Che donna
straordinaria!

La gioia non si trova all'esterno. Liberatevi da questa nozione distorta,
altrimenti non la troverete mai.


Non è facile, ma di certo non impossibile!
Ma voi riuscite a sentire la gioia?
avatar
Admin
Admin

Numero di messaggi : 86
Data d'iscrizione : 24.04.08

Vedere il profilo dell'utente http://unviveremigliore.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum