Traduci
link
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Una vita migliore sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



Un libro sul riconoscimento omosessuale. "Citizen gay. Famiglie, diritti negati e salute mentale" di Vittorio Lingiardi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Un libro sul riconoscimento omosessuale. "Citizen gay. Famiglie, diritti negati e salute mentale" di Vittorio Lingiardi

Messaggio Da Dott. A. Paliotti il Mer 22 Ott 2008, 19:23

Cityzen gay (Il Saggiatore, 12 euro) è un libro sui diritti e sul riconoscimento sociale di ogni omosessuale.

"Citizen gay è un titolo slogan per ricordare che c’è un cittadino che deve alzarsi in piedi e dire: sono gay, sono lesbica, voglio diritti e rispetto. Così facendo, quel cittadino pone un problema ineludibile per la democrazia: la legge deve riflettere i valori di qualcuno o garantire, nel rispetto reciproco, la pluralità dei valori di tutti. Può reggere, sul piano del diritto, la distinzione etero/omo?”

E' recente il dibattito sul riconoscimento giuridico delle coppie di fatto, e in particolare i toni si sono accesi sulle coppie omosessuali. Ma, trascorsi solo pochi mesi, l'attualità ha lasciato il campo a nuove emergenze, e delle coppie di fatto non se ne parla più.
Ma continuano ad esistere migliaia di persone che ogni giorno soffrono di discriminazioni che ne alimenta la solitudine, l'ansia, la frustrazione.

Ed è per questo che l'autore auspica..

"...una legge che riconosca le persone omosessuali nell’integrità della loro fisionomia giuridica e sociale. Come psichiatra, sono sicuro che un effetto collaterale positivo dell’approvazione di una buona legge sul riconoscimento delle unioni civili sarebbe un drastico prosciugamento della palude, psicologica e sociale, in cui prolifera l’omofobia. Non è evidente come l’omofobia, compreso il fenomeno in crescita del bullismo omofobico, si alimenti anche del mancato riconoscimento di un pieno diritto di cittadinanza alle persone omosessuali? Non vengono forse legittimati pensieri come: «Se la Chiesa considera queste persone indegne di formare una famiglia, e se lo Stato ne tollera la convivenza, purché senza celebrazioni e senza diritti e tutele, allora vorrà dire che in fondo, davanti a Dio e agli uomini, questi omosessuali non sono proprio cittadini come gli altri...?"

E ancora ribadisce:

"Credo che uno dei motivi per cui l’omosessualità tout court (e ancor più un suo riconoscimento sociale) crea avversione, paura, diffidenza, derivi dalla preoccupazione per un disordine psicologico che diventa poi sociale. Una sorta di disagio all’idea che vi sia qualcosa di «femminile» in un uomo e di «maschile» in una donna. Da qui anche il bisogno di darsi una rassicurazione riguardo alla propria «mascolinità» o «femminilità». Un fondamento psicologico dell’omofobia, infatti, consiste in una polarizzazione difensiva dei ruoli di genere, che porta a temere/disprezzare i fantasmi di passività e dipendenza nell’uomo e di attività e autosufficienza nella donna."

Vittorio Lingiardi, psichiatra e psicoanalista, è Professore ordinario di Psicologia Dinamica, Direttore II Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica, Facoltà di Psicologia I, dell’Universà “La Sapienza” di Roma.




Fnac.it -  Scopri Tutte le Offerte Online e Compra a Prezzi Sempre Vantaggiosi!
avatar
Dott. A. Paliotti

Numero di messaggi : 151
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : Napoli

Vedere il profilo dell'utente http://unviveremigliore.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum