Traduci
link
Bookmarking sociale

Bookmarking sociale Digg  Bookmarking sociale Delicious  Bookmarking sociale Reddit  Bookmarking sociale Stumbleupon  Bookmarking sociale Slashdot  Bookmarking sociale Yahoo  Bookmarking sociale Google  Bookmarking sociale Blinklist  Bookmarking sociale Blogmarks  Bookmarking sociale Technorati  

Conserva e condividi l'indirizzo di Una vita migliore sul tuo sito sociale bookmarking

Flusso RSS


Yahoo! 
MSN 
AOL 
Netvibes 
Bloglines 



L'utilizzo di facebook. I consigli del garante della privacy

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

L'utilizzo di facebook. I consigli del garante della privacy

Messaggio Da Dott. A. Paliotti il Ven 30 Gen 2009, 08:31

Quasi sei milioni e mezzo di italiani sono rimasti affascinati da Facebook, il social network che sta spopolando tra i giovani e meno giovani.
Il problema però resta della diffusione dei dati sensibili.
E, in occasione della Giornata Europea per la privacy svoltasi mercoledì 28 gennaio, il presidente dell'Autorità Garante, Francesco Pizzetti, ha esortato ad un uso cosciente e consapevole di tale mezzo di comunicazione.

Innanzi tutto occorre un uso consapevole, quindi:
- pensarci bene prima di pubblicare dati personali;
- ricordarsi che quanto viene pubblicato, anche attraverso i motori di ricerca, resta a distanza di anni, e ciò che si credeva cancellato può riemergere;
- usare username e password diversi da quelli utilizzati per altri servizi (posta elettronica, accesso alla banca online);
- non pubblicare informazioni personali relative a terzi senza il loro consenso (si rischiano guai anche dal punto di vista penale);
- impostare al minimo la disponibilità pubblica di informazioni.

Inoltre anche chi gestisce i social network ha degli obblighi.
Deve adottare piattaforme che rispettano la privacy e informare gli utenti sulle conseguenze derivanti dalla pubblicazione dei dati personali; inoltre deve fare in modo che gli utenti possano decidere autonomamente il livello di visibilità del proprio profilo ed escludere dai motori di ricerca le informazioni inserite, a meno che non ci sia un consenso esplicito.

Poche regole da seguire e si eviterà in futuro di fare i salti mortali per cancellare le informazioni che non si desidera più rendere visibili.

Si rischia infatti di vedersi addirittura rifiutare un posto di lavoro a causa di ciò che ingenuamente si è scritto su Facebook.
Pare difatti che il 35% delle aziende intervistate nel corso di una ricerca pubblicata sempre in occasione della Giornata della Privacy utilizza questa pratica...

Liberamente tratto da un articolo su www.zeusnews.com
avatar
Dott. A. Paliotti

Numero di messaggi : 151
Data d'iscrizione : 07.05.08
Località : Napoli

Vedere il profilo dell'utente http://unviveremigliore.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum